Folksonomy. Power to fhe folk

Emanuele Quintarelli fa il punto sul fenomeno delle folksonomies in occasione dell'incontro ISKO Italia all'Università di Milano Bicocca (24 giugno 2005).

Tempo di lettura: meno di un minuto

L’analisi propone un’utilissimo confronto fra il sistema di classificazione mediante tag, effettuato direttamente dagli utenti (quindi da non esperti) dal basso (bottom-up), e altri sistemi di classificazione, quelli più tradizionali progettati e governati centralmente da esperti (top-down), mostrandocene non solo pregi e difetti ma anche i possibili nessi e integrazioni.

Così, la rassegna evita la semplice disputa fra classificazioni con la minuscola (classificazioni deboli o presunte tali) e classificazioni con la maiuscola (forti), ma si pone nell’ottica della loro complementarità: la possibilità cioè di integrare fra loro più sistemi capaci di correggere ciascuno i limiti degli altri.

Emanuele Quintarelli, Folksonomies: power to the people