Home > Blog > Web senza barriere 2008: Il mio intervento

Web senza barriere 2008: Il mio intervento

Il concetto di architettura dell’informazione non è proprio solo del Web, ma di ogni contesto del nostro agire quotidiano, e diviene tanto più cruciale quanto più densa e complessa è l’informazione che pervade tali contesti. L’obiettivo del seminario è mostrare un modello integrato di architettura dell’informazione capace di funzionare trasversalmente ai diversi ambienti e dispositivi di una medesima azienda (da quelli fisici a quelli digitali).

Sempre più spesso […] televisione e carta stampata stimolano le ricerche su internet. Il 65% degli italiani che usano un motore di ricerca ha approfondito su internet un prodotto o un servizio visto in uno spot televisivo o radiofonico oppure in una pubblicità su un quotidiano. Insomma, quello che appare su un media viene ricercato in un altro. Proprio per questo i progetti di comunicazione stanno cominciando a essere crossmediali (Luca Tremolada, Nòva 24 – Il Sole 24 Ore, 1 novembre 2007, p. 1).

Per portare a termine molti compiti è oggi necessario sempre più spesso attraversare molteplici domini (leggo un articolo, mi sposto sul Web per approfondire alcuni riferimenti trovati là, e poi magari decido l’acquisto di un bene o servizio).

Garantire all’utente una continuità esperienziale nel passaggio da un contesto/dominio a un altro è la sfida che il design dell’interazione e la user experience saranno chiamate ad affrontare sempre più nei prossimi anni. In quanto elemento che concorre a definire la user experience, l’architettura dell’informazione può giocare in tal senso un ruolo strategico.