Architettura dell’informazione della città

La città è un’architettura di informazione prima ancora che un’architettura di edifici, un sistema che elabora, scambia e reagisce alle informazioni, e che si comporta a tutti gli effetti come un sistema complesso.

La città come sistema complesso

La città è un sistema complesso fatto di nodi e connessioni, atomi e bit: in questo senso la città elabora informazioni piuttosto che farle semplicemente circolare.

Information networks provide a basis for understanding living cities […] a city works less like an electronic computer, and more like the human brain. As a functionally complex system, it heuristically defines its own functionality by changing connections so as to optimize how components interact. […] This analysis shifts the focus of understanding cities from their physical structure to the flow of information.

[…] a city processes information rather than merely moving it around (Andrew Coward e Nikos Salingaros, The Information Architecture of Cities).

La città come testo, racconto, esperienza

Se l’architettura dell’informazione non riguarda soltanto il web ma tutti gli spazi informativi, allora anche la città può essere analizzata e progettata come un’architettura informativa. Leggere la città in questi termini permette appunto di focalizzarsi sull’idea di città come elaboratore di informazioni, esaltandone la dimensione relazionale e dinamica.

Come? Indagando i flussi di informazione che avvengono fra i nodi del grafo-città, quei “miliardi e miliardi di traiettorie” che per Bruce Sterling definiscono “le microstorie delle persone in relazione agli oggetti”. Rendere visibili queste microstorie significa comprendere le interazioni che avvengono nel tessuto urbano ai vari livelli di profondità.

Resilienza: un tema chiave

La resilienza è la capacità di un’architettura informativa di adattarsi a:

  1. differenti tipologie di pubblico
  2. differenti obiettivi
  3. differenti strategie di ricerca dell’informazione (information seeking behaviors).

Se la città è un sistema di nodi e connessioni (paths), allora possiamo agire soprattutto su questi ultimi per rendere la città flessibile. In realtà, anche i nodi (edifici, piazze ecc.) si modificano nel tempo, ma molto più lentamente rispetto ai percorsi — ci spiega la pace layering theory.

E quindi l’idea è quella di monitorare, registrare e sfruttare le interazioni fra l’uomo e la città (i paths, appunto) per consentire alla città stessa di rispondere, modellarsi in tempo reale sulla base di queste sollecitazioni (adattando i paths medesimi, o rendendone disponibili di alternativi). Le microstorie delle persone in relazione agli oggetti di cui parla Sterling diventano così il sistema nervoso della smart city, ciò che effettivamente la rende senziente (sentient). I modi per raccogliere queste storie possono essere vari: dall’internet of things tramite RFId o altro tipo di sensori al GPS, dai social network georeferenziati all’information shadow.

Ciò non significa abbandonare ogni altro sistema di pianificazione dall’alto di tipo più tradizionale in favore di automatismi governati interamente da algoritmi. Significa invece bilanciare, correggere e integrare gli schemi progettati dall’alto (top-down) sulle logiche spontanee che emergono dal basso (bottom-up). Significa in una parola co-design e flessibilità: la città si adatta e si autoripara come un tessuto vivo; da read-only environment evolve in read-write environment (Lawrence Lessig).

We see our domain of operation as places where both the urban fabric as a whole, and discrete objects within it, have been endowed with the ability to gather, process, display, transmit, receive, store and take action on information (Urbanscale).

Progetti

  • Il SENSEable City Laboratory del Massachusetts Institute of Technology è una delle iniziative di sentient city di più lungo corso: dal 2004 ad oggi ha prodotto molti progetti fra cui Real Time Rome, Real Time Copenhagen, Live Singapore.
  • Stanza, che si muove fra arte e urbanistica, “creates a visual artworks informed by critical analysis of city spaces”; fra i progetti che più mi piacciono c’è Sensity.
  • Surfin’City, progetto degli italianissimi di Mimulus, sfrutta il servizio di geolocalizzazione di network come Foursquare per costruire percorsi guidati all’interno di un’area geograficamente circoscritta, realizzare guide tematiche permanenti o itinerari di gioco.
  • Urbino Walk in Progress è un progetto di ricerca e una mostra sviluppati dall’Isia di Urbino sotto la guida di Luciano Perondi; il focus è sulla rappresentazione e percezione della città e sul tema del wayfinding.

Alla fine la lista dei progetti è più lunga di quanto pensassi. Ce ne sono certamente molti altri, difficile dar conto di tutti: qui ho cercato di indicare i più rappresentativi. Con l’intento di sottolineare anche la natura ibrida di queste iniziative, che spaziano dall’installazione artistica all’architettura in senso stretto, dall’urbanistica all’information design.

Finale letterario

Il Gran Kan possiede un atlante in cui sono raccolte le mappe di tutte le città […] Nelle ultime carte dell’atlante si diluivano reticoli senza principio né fine, città a forma di Los Angeles, a forma di Kyoto-Osaka, senza forma (Calvino, Le città invisibili).

Articoli e siti web

Pervasive information architecture for the sentient city

Di architettura dell’informazione della città ho parlato, insieme ad Andrea Resmini, al Summit europeo di architettura dell’informazione (EuroIA).